Acquisto auto usate, cosa controllare 

auto-usate

Oggi molte persone quando procedono all’acquisto di un’auto, anziché indirizzarsi su una vettura nuova di fabbrica optano piuttosto per l’auto usata.

Nella maggior parte dei casi si sceglie un’auto usata perché è un buon mezzo per risparmiare anche un bel po’ di soldi; spesso, infatti, si possono trovare delle vere occasioni comprando vetture usate, ma altrettanto facilmente è possibile trovare anche una fregatura.

Già, purtroppo non tutti sono persone oneste, e c’è anche chi tenta di fregare il prossimo o comunque di rifilargli un’auto che non è esattamente in buona salute.

Specialmente nell’ipotesi in cui vogliate comprare l’auto da un privato (che a differenza delle concessionarie non è tenuto a fornirvi una garanzia di conformità del prodotto agli standard enunciati) dovete sempre fare estrema attenzione e pretendere di controllare la vettura, ispezionarla e di fare un giro di prova per testarne le prestazioni.

Quindi quando si vuole comprare l’automobile usata è necessario prendersi tutto il tempo necessario per valutare di persona il prodotto senza fretta. Vi diamo qualche consiglio su quegli aspetti della vettura che non dovreste mai sottovalutare e che dovete sempre controllare con calma e con attenzione per essere sicuri di aver fatto un affare.

Cosa controllare quando si acquista la vettura

  1. Le gomme. In primo luogo valutate in che stato sono le gomme: è fondamentale per la sicurezza e la stabilità della guida. Certo, potrebbe anche essere che le gomme siano consumate, ovviamente, in questo caso il venditore potrebbe abbassare il prezzo e lasciare a voi l’onere di cambiarle. Non fidatevi semplicemente del fatto che le gomme siano nuove, anche la guida del conducente può determinare il loro invecchiamento.
    Se l’auto proposta ha un buon prezzo ed è in buono stato ma ha gli pneumatici finiti potrete anche sfruttare l’occasione per “tirare” ulteriormente sul prezzo salvo poi acquistarli autonomamente, anche online (vedi qua i prezzi di mercato), spendendo anche molto meno dello “sconto” che sarete riusciti strappare.
  2. Controllate bene la carrozzeria. Lo scheletro esterno dell’auto è abbastanza semplice da tenere sotto controllo. Nessuno pretende che un’auto usata sia perfettamente lucida, impeccabile e senza il minimo graffio, ma comunque tutti i difetti dovrebbero essere dichiarati prima della vendita dell’automobile medesima. Controllate con attenzione se ci sono ammaccature e graffi o botte, ma soprattutto che tutto funzioni alla perfezione (ad esempio che i sensori di parcheggio non siano stati danneggiati da qualche urto). Se il problema è solo estetico, potete ottenere qualcosa sul prezzo.
  3. Controllate la cinghia del motore. Inutile acquistare una bella auto ad un buon prezzo se non si controlla questo elemento, dal quale dipende la possibile futura vita dell’auto stessa. La cinghia del motore deve sempre essere in perfette condizioni, se si rompe può comportare dei danni e problemi gravi e potrebbe anche rovinare il motore.
  4. Controllate gli ammortizzatori. Mai e poi mai, quando si osserva un’auto usata, è possibile rifiutare al potenziale acquirente un giro di prova. Pretendete sempre il vostro giro di prova, in modo da poter controllare come reagisce l’auto ai comandi, lo stato di salute della vettura che volete acquistare, in questo modo potrete anche controllare gli ammortizzatori, i tempi di frenata, come si comporta l’auto in curva. Si tratta di elementi fondamentali, quindi fate attenzione a considerarli tutti prima di procedere all’acquisto dell’auto.
  5. Controllare lo sterzo. Lo sterzo può determinare l’acquisto o meno dell’auto; fate il giro di prova (magari assieme al vostro meccanico) e valutate se lo sterzo risponde bene oppure no.
  6. Chiedete quando è stata fatta l’ultima revisione dell’auto e valutate come è stato, nel corso degli anni, lo stato di salute della vettura.