Monitorare il cuore dal proprio polso

Si può controllare il battito cardiaco attraverso un cardiofrequenzimetro, da collegare ad uno smartphone tramite un’app, o attaccato ad uno smartwatch. Vi sono molte caratteristiche che dovrà possedere, come ad esempio: una fascia o un manicotto, un monitor, e le varie applicazioni.

Per azionare un cardiofrequenzimetro

Dovrai allacciartelo in vita o anche al polso. Accendilo e leggendo bene le istruzioni, avvialo. Stai bene attento che riporti lo 00 prima di azionarlo. Appena ti avrà dato un numero (sul cui valore si fermerà automaticamente), cerca di salvare i dati in modo da tenerli presenti se variassero con l’andar del tempo.  C’è da ricordare che per un adulto di media corporatura il valore può andare da un range di 60-100 battiti al minuto. Ma che possono variare in base allo stress o ai medicinali che si assumono (se si assumono). O dalla corporatura, che può influire sul polso con tutti gli altri fattori appena indicati.

Tutto ciò ti aiuterà a mantenere costante il tuo rendimento negli allenamenti o a tenere sotto controllo la tua attività fisica e fisiologica, perché miglior rilevatore del nostro stato di salute è proprio il cuore. Se è su uno smartwatch meglio, di modo che potrai tenere bene d’occhio ogni cambiamento qualora vi fosse. Il FitBit è uno dei migliori smartwatch con cardiofrequenzimetro, molto comodo se vorrai monitorare l’esercizio che stai svolgendo e analizzarlo in base a confronti continui nel tempo.

 Le funzioni di uno smartwatch con cardiofrequenzimetro

Questo ti potrà dire anche quante calorie vai bruciando, ti consiglierà sull’intensità da tenere nell’attività aerobica, e ti indicherà il tuo miglior risultato. Se io saprò le calorie bruciate, ad esempio, avrò un ampio raggio d’azione se avrò tenuto un’intensità moderata, mentre se sarò messo al corrente sul valore medio dell’attività aerobica, potrò essere informato su quale sia l’esercizio migliore per me in quel momento, così come se lo strumento mi dirà quali siano i picchi dei valori dell’allenamento che posso “toccare”. E questi dati li potrò avere una o più volte al giorno col FitBit. Inoltre potrò così anche tenere traccia dello stato di salute del mio cuore continuamente o quasi. Se vi sia stress nella mia attività, o se sia troppo sforzato mentre la svolgo, in modo da tenere sotto controllo il livello di stanchezza che mi “attanaglia” durante queste funzioni quotidiane.

In tale maniera, il nostro livello di allenamento potrà o potrebbe finanche migliorare o mantenersi costante se si corre qualche rischio col cuore, che verrà, non dimentichiamolo, sempre monitorato attraverso la registrazioni dei tuoi battiti al minuto, una costante che dovrebbe essere utile a tutti, e in particolar modo, a chi abbia avuto qualche precedente con la respirazione o con l’apparato cardiaco. Questo è un ottimo dato sia per noi che per il medico che ci tenga in cura, poiché aiuta quest’ultimo e noi a mantenere lo stato di salute sempre idoneo con le nostre possibilità fisiche.

Scopri i migiori garmin, smartwatch e smartband  del mercato su www.accessori-indossabili.it

Ti potrebbe interessare: